News

gianni agnelli resize

Gianni Agnelli, icona di stile che ha sovvertito le regole

Cravatte sventolate sopra il pullover, scarponcini di camoscio anche con abiti formali, piumino sopra il blazer, camicie con il colletto “button down” sbottonato, orologio rigorosamente sopra il polsino della camicia.

Gianni Agnelli, grande icona di stile, emblema di eleganza, ha sovvertito le regole della moda dando vita ad uno stile tutto personale, fatto di un affascinante mix di audacia ed eleganza innata.

Coraggio e personalità resero il suo stile tanto unico da essere persino celebrato da un quadro di Andy Warhol.

L’Avvocato è diventato negli anni l’ emblema di un’eleganza colta e originale perché ha interpretato in maniera personale lo stile, dando l’impressione di essere al di sopra del tempo e delle mode, come un vero arbiter elegantiae.

Gianni Agnelli ha interpretato per anni ciò che lo stile dovrebbe essere. Non ha accettato di piegarsi alle regole della moda o di sottostare a rigidi canoni codificati. Lo stile deve raccontare esteriormente il modo in cui ci si vuole presentare al mondo. Devono essere gli abiti a piegarsi alle esigenze dell’uomo che crea il proprio personale stile. Dagli abiti scelti per sé traspare la vera eleganza, fatta prima di tutto di gesti e comportamenti. Disinvoltura ed eleganza innata fanno poi il resto, fanno stile.

Lo stile di Gianni Agnelli rispettava perfettamente il suo modo di vivere spontaneo, non eccentrico ma unico. I suoi abiti, rigorosamente sartoriali per rispondere al meglio alle sue esigenze di stile, erano in colori tenui. Preferiva il grigio per il giorno e il blu per la sera con ampi revers. La maggior parte delle sue scelte che rompevano gli schemi dei dettami di moda furono ispirate dall’esigenza di muoversi con comodità e disinvoltura.

È questo il caso dei jeans indossati con un blazer blu, abbinamento divenuto poi un must per le occasioni informali, o il piumino indossato sopra l’abito.

Ciò che traspariva dal suo stile era la sua personalità elegante, di gran gusto, un po’ dandy. Mai i suoi abiti sono apparsi su di lui costruiti o artefatti. Il segreto stava nel sapere con certezza cosa volere o non volere indossare e costruirlo esattamente su misura per sé.