121143092 3616067351750668 4869266210505307791 o

L’abito in mohair

Il ritorno della stagione invernale segna non solo il tanto atteso cambio dell’armadio, ma anche la ricerca di nuovi stili e tendenze per “rinfrescare” il guardaroba con tessuti adatti al freddo.

Mohair, tessuto dalla texture esclusiva

Il mohair è un tessuto molto morbido dalla texture elegante, ma non troppo ingessata.

Lo ricordiamo addosso a Sean Connery in moltissimi dei suoi film, con quelle giacche lineari e perfette, in colore grigio, che lasciavano intendere una ricercatezza presente ma non troppo ostentata.

Il completo in mohair è perfetto per l’uomo in giacca e cravatta, che non vuole cedere alla pesantezza di certi tessuti troppo spessi, ma non vuole sembrare nemmeno troppo disinvolto con il cotone durante il periodo invernale.

In questo senso, questo tessuto, stretto parente dell’angora, si rivela una scelta azzeccata. Caldo in inverno ma fresco in estate, uno spessore ridotto rispetto alla lana e una duttilità che rende bene sulle pieghe del corpo, assecondando la corporatura senza segnare i punti critici.

Il completo in mohair risponde alle esigenze di apparire perfettamente in ordine, come ad esempio in ufficio o per un evento formale, con una giacca che ben si presta alle fantasie sartoriali.

Intorno agli anni ‘70, questo tessuto conquistò così tanto il mondo della moda classica da attirare l’attenzione degli stilisti meno classici e meno preimpostati. Un esempio? Tommy Nutter, che vestiva, tra gli altri, sia i Beatles che i Rolling Stones, sperimentò con il mohair per trasformarlo in un tessuto giovane e rock.

Se mischiata in misura inferiore con altre lane, la fibra di mohair tende a rimanere più lucida e brillante. Con le giuste colorazioni, come il verde, il giallo, il blu elettrico, le giacche in mohair diventarono in breve tempo simbolo di un look eccentrico e curato. Immagine che detengono tutt’oggi, e che fa del mohair una delle lane preferite dalle realtà sartoriali.

Vuoi saperne di più su questo argomento?